Home | Lingua resiana | Studi | Notiziario | Galleria | Attivit | Collegamenti | Contatti

Identit e tutela Val Resia

Dal Vangelo secondo Giovanni (prima parte)

 

GJUAN UNĠL

 

INNO AL VERBO

 

1 In principio era il Verbo

e il Verbo era presso Dio

e Dio era il Verbo.

2 Questi era in principio presso Dio.

3 Tutto per mezzo di lui fu fatto

e senza di lui non fu fatto

nulla di ci che stato fatto.

4 In lui era la vita

e la vita era la luce degli uomini;

5 e la luce nelle tenebre brilla

e le tenebre non la compresero.

6 Ci fu un uomo mandato da Dio;

il suo nome era Giovanni.

7 Questi venne come testimone

per rendere testimonianza alla

luce, affinch tutti credessero per mezzo di lui.

8  Non era lui la

luce, ma per rendere testimonianza alla luce.

9 Era la luce vera,

che illumina ogni uomo,

quella che veniva nel mondo.

10 Era nel mondo

e il mondo fu fatto

per mezzo di lui

e il mondo non lo riconobbe.

11 Venne nella sua propriet

e i suoi non lo accolsero.

12 A quanti per lo accolsero

diede il potere di divenire figli di Dio,

a coloro che credono nel suo nome,

13 i quali non da sangue

n da volont di carne

n da volont di uomo

ma da Dio furono generati.

14 E il Verbo si fece carne

e dimor fra noi

e abbiamo visto la sua gloria,

gloria come di Unigenito dal Padre,

pieno di grazia e di verit.

15 Giovanni rende testimonianza a lui

e proclama: Questi era colui di cui dissi:

"Colui che viene dopo di me

ebbe la precedenza davanti a me,

perch era prima di me".

16 Della sua pienezza infatti

noi tutti ricevemmo

e grazia su grazia;

17 poich la legge fu data per mezzo di Mos,

la grazia e la verit

divennero realt per mezzo di Ges Cristo.

18 Dio nessuno l'ha visto mai.

L'Unigenito Dio,

che nel seno del Padre,

egli lo ha rivelato.

    

U   Byside

 

1 Njprit bil Bysid

nu Bysida bil tpr Bh

nu Buh tu bil Bysid.

2 Un njprit n bil tpr Bh.

3 Us skuś njh s ehnl

nu čenče njh nykar

s nardyl od jt k j nart.

4 Tu njh bil yvjst

nu yvjst tu bil lč muu;

5 nu lč svyty tu nuće

nu te trde nć so ny je duskl.

6 J bil dn mu pjn od Bh;

njh jym tu bil Gjun.

7 Jsi prl dy test

ś kaśt lč,

ģyl usy skuś njh bhaj s vrul.

8 Tu ny bil un lč,

m n ml kj pokaśt lč.

9 Tu bil t prau lč,

k svyty usakh mu,

jta k duhajl tn svit.

10 n bil tu svt

nu svit bil nart skuś njh

nu svit n ny h pośnl.

11 n pl tu njh hyo

nu njh jd ny so ny h  ślul.

12 Jtn k so h ryčaval

n je śdll murt bet syn Bh,

jtn k s vrujo tu njh jym,

13 ģyl jsy n od kryj

alybj od volontad mis

o skuś te mk volontat

m kj od Bh ny so bil urojn.

14 Nu Bysid se naredyl miso

nu n prl stat tmy nam

nu my sy mo vydl njh glorjo,

glorj tej Oćuj Same syn,

basn dobrute nu styne. 

15 Gjun h upuam

nu n di: Lejsi tu j jti k sy bil un rkl od njh:

Jti k hre dopo pu ml

n smi bet ģan tprid mlu,

ģyl n u bil prit nu k j.

16 Od njh bohtyje u

sy my sy m ryčaval

hračjo uon hračjo;

17 śkoj lč n j nn bil dan skuś Mośe,

dobrut nu styn

so se śrobyle skuś Ju Krytu.

18 Nyći mej vydl Bh.

Sam syn Buh,

k n j tu Oćo,

n nn vyrekl jso varatat. 

LA RIVELAZIONE DI GESU'

 

19 Ora, questa la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli mandarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti per domandargli: Tu, chi sei?.    20 E profess, e non neg, e profess: Io non sono il Cristo.  21 Gli domandarono: Chi sei tu allora? Sei Elia?. Egli dice: Non lo sono. Sei il profeta?. Rispose: No!.  22 Gli dissero allora: Chi sei? Ch possiamo dare una risposta a chi ci ha inviati! Cosa dici di te stesso?.   23 Afferm:

Io sono voce di uno che grida nel deserto:

raddrizzate la via del Signore,

come disse il profeta Isaia. 24 Essi erano stati mandati dai farisei. 25 Costoro gli domandarono ancora: Perch dunque battezzi se non sei il Cristo n Elia n il profeta?.  26 Rispose loro Giovanni: Io battezzo con acqua; in mezzo a voi sta colui che voi non conoscete,  27 colui che viene dopo di me, di cui non sono degno di sciogliere il legaccio del sandalo.   28 Questi fatti avvennero a Betnia al di l del Giordano, dove c'era Giovanni che battezzava.   29 L'indomani vede Ges venirgli incontro e dice: Ecco l'agnello di Dio che toglie il peccato del mondo.  30 Questi colui di cui ho detto: "Colui che viene dopo di me ebbe la precedenza davanti a me, perch era prima di me".  31 Io non lo conoscevo, ma proprio perch fosse rivelato a Israele sono venuto  a battezzare con acqua.   32 Poi Giovanni testimoni: Ho visto lo Spirito scendere dal cielo come una colomba, e si ferm sopra di lui.   33 Io non lo conoscevo, ma colui che mi mand a battezzare con acqua mi disse: "Colui sul quale vedrai scendere lo Spirito e fermarsi su di lui, lui che battezza con lo Spirito Santo".  34 E io l'ho visto e ho testimoniato che lui il Figlio di Dio.

 

Ju pokaśn 

 

19 Njśat, lejsa tu j tatymonjanč Gjuan, ko Ġjudej so mu poslal od Ġeruśaleme jre nu levyte ś mu bart: Či sy ty?. 20 Nu un n rkl, nu n ny ślhl, nu n vyrkl: Sy ny j Kret. 21 Ny so mu barl: Du se alore? Se Elij?. Nu un ģl: Sy ny. Se dn profet?. n rypundl: N!. 22 Tdej ny so h barl: M či sy ty?. Jtak d my murjm rypundt jtn k so ns poslal! Ko di od tbe?. 23 n rkl:

J se hlas od dnoh k houč tu deśert:

śdračejt Hspud pot,

tej bil rkl profet Iśaij. 24 Nu jty ny so bil pjn od faryśeju. 25 Nu ny so spet mu barl: Kuz bej krću ćy sy ny Kret, Elij alybj dn profet?. 26 Jyn rypundl Gjun: J us krćun śuodo; tmy us j jti k vy ny śnat, 27 jti k parhaj dopo pu ml, jtymo k j sy ny uridn ryśveśt pinkje njh andl. 28 Jse rč so s ehnle tu Betanj tstran Ġjordan, jto k Gjun krćul. 29 Śtr din n vydl Ju pryt h srst nu n di: Eko Bh janjt k rybryu hrih svt. 30 Jsi tu j jti k od njh sy rkl: Jti k prhj dopo mle n sml bet tpryd mlu ģyl n u bil tpryd mle. 31 Sy ny h śnl, m fys ģyl n b pokaśn Iśrael sy prl krstt śuado. 32 Dopo Gjun vyrkl: Sy vydl Dh ryślst od nb tej dn hlub, nu n bil se postavl uond njh. 33 J sy ny h śnl, m jti k bil me posll krstt śuado n bil my rkl: Tn  jth k bo vydl ryślst Dh nu se ustavt uond njh, tu j un k krću śys Sveth Dh. 34 Nu j sy h vydl nu sy un nudl d un tu j Syn Bh.

  

I PRIMI DISCEPOLI VANNO A GES

 

35 L'indomani, Giovanni si trovava ancora l con due dei suoi discepoli.  36 Fissando lo  sguardo su Ges che passava, egli dice: Ecco l'agnello di Dio.  37 I due discepoli lo sentirono parlare cos e seguirono Ges.   38 Ges, voltosi e visti i due discepoli che lo stavano seguendo, dice loro: Che cercate?. Gli dissero: Rabb [che, tradotto, significa "maestro"], dove stai?. 39 Venite e vedrete, dice loro. Andarono e videro dove stava e quel giorno stettero presso di lui. Era circa l'ora decima.   40 Andrea, fratello di Simone Pietro, era uno di quei due che avevano ascoltato Giovanni e avevano seguito Ges.  41 Egli trova anzitutto suo fratello Simone e gli dice: Abbiamo trovato il Messia ćche, tradotto, significa Cristoģ.   42 Lo condusse a Ges. Fissando lo sguardo su di lui, Ges disse: Tu sei Simone, figlio di Giovanni. Ti chiamerai Cefa [che si traduce Pietro]. 43 L'indomani decise di partire per la Galilea e trova Filippo. Ges gli dice: Sguimi!.  44 Filippo era di Betsida, la citt di Andrea

e di Pietro.  45 Filippo trova Natanaele e gli dice: Quello di cui hanno scritto Mos nella legge ed i profeti, noi l'abbiamo trovato: Ges, figlio di Giuseppe, da Nazaret.  46 Da Nazaret -- gli disse Natanaele -- pu venire qualcosa di buono?. Gli dice Filippo: Vieni e vedi!.    47 Ges vide Natanaele venirgli incontro e dice di lui: Ecco un autentico israelita, in cui non c' falsit.  48 Gli dice Natanaele: Donde mi conosci?. Gli rispose Ges: Prima che Filippo ti chiamasse, ti ho visto sotto il fico.  49 Gli rispose Natanaele: Rabb, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele.  50 Gli rispose Ges: Perch ti ho detto che ti ho visto sotto il fico credi? Vedrai cose ben pi grandi!.   51 Poi soggiunse: In verit, in verit vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e discendere sul Figlio dell'uomo.

 

Ty prv dyepul

 

35 Śtr din pujtr, Gjun se nalal ćyl jto śys dua njh dyepulh. 36 Ko n nhlednl Ju pryjtet n rkl: Eko Bh janjat. 37 Ko ty dua dyepulv so h čl pravt jtak so ly tś Ju. 38 Ju se obratl nu ko n vydl d ty dua dyepulv so mu ly tśat, n jyn barl: Kiroh jyćyt?. Nu jty so mu rykly: Rabbi [ka tu pryde ryćet maetren], ke stujy?. 39 Pojt nu bot vydl n jyn rkl. Ny so ly nu ny so vydl d k n stal nu ś zl din ny so stal tpr njymo. So bile skure jst or včr. 40 Drej, bratr ymun Pjeryn, tu bil dn od ty dua k so bil pull Gjuan nu n bil l ś Ju. 41 Prit n nliśl njh bratr ymun nu n mu rkl: Sy mo nlśyl t h Pjn [k tu pryd ryćet Kret]. 42 n h pjl t Ju. Ko Ju h vydl n mu rkl: Ty ty se ymun, Gjuan syn. Ty ć se klyzt Čefa [k tu pryd ryćet Pjrn]. 3 Śtr din n se partel  ś jtet tu Galylejo nu n nliśl Fylip. Ju mu rkl. Pujde ś mlu!. 44 Fylep n stal tu Betsajd, trh Dreje nu Pjryn. 45 Fylep naliśl Natanael nu n mu rkl: Od jt k so bil pysl Mośe tu lč nu profet, my sy m  h nlśyl: Ju, syn Juef, od Nazaret. 46 Od Nazaret mu rkl Natanaele mr dujtet kej tu pravh?. Mu rkl Fylep: Pujde nu vydj!. 47 Ju vydl Natanael duhajt nu n di od njh: Eko n h pravh iśraelit, ny lhnj tu njh. 48 Mu rkl Natanaele: Kuz me śna?. Mu rypundl Ju: Prit nu k Fylep b te klyzl, sy te vydl tpd fyharj. 49 Mu rypundl Natanaele: Maetrn, ty ty se Syn Bh, ty ty sy krej Iśrael. 50 Mu rypundl Ju: Ġyl sy ty rkl d ty sy te vydl tpd fyharj se vrj? Ty ć vydt rč karj najvinče!. 51 Najśat n parģal: Tu styn ś risnst un din: ćet vydt svit uaģan nu janjule Bh hudet uon nu rylat uond Syn mu.       

 

Sei in...