Primo concorso di poesia resiana

PRAVYZA OD KOSYZALa favola delle caprette
DINGA DINGA DRESNICA
KE SO KOŚYZA
TAPOD NO SKALYZO
TU KA NY UODYZA.
Dinga dinga dresniza
dove sono le caprette
sotto una piccola roccia
dove non c' l'acquetta
Ilaria Madotto - classe I

VYLĎEJPrimavera
SNIH SA PUT
RAST VI
SA NAYNE ROYZA
OD MJARJU KOLRIU.
La neve si scioglie
crescono le foglie
nascono i fiorellini
di mille colori
Michele Savaris - classe I

VILĎEJPrimavera
DUYL VILĎEJ
SUNZ USTL
SKAKEJ ZYTYRL
PLE RUSYZ
PUJAJO ROYZE
giunta la primavera
il sole si alzato
la cavalletta suona il violino
balla la formica
cantano i fiorellini
Enrico Micelli - classe I

TUČYZGattina
TUČYZ BERBETYN
N L S GRT
UN MALYKULK
N SPADL DOPOD ROP
N SY SLOMYL
T VLYK ŚOP
La gattina di Berbet
andata a scaldarsi
sulla collina del Malykulk
caduta nel burrone
e si rotta
il dente grande
Luisa Siega - classe I

TUČYZGattina
TUČYZ TA OSJSK
NA BIL LAČIN
NA PEAL UN N POLYZO
ŚKOJ NA TALA KLBASYZA
La gattina di Oseacco
era affamata
guardava sulla mensola
perch voleva le salsicce
Davide Madotto - classe I

VILĎEJPrimavera
DN LIP TU J VYLĎEJ
ŚYS NJI KOLRJE
NY ME BDYJO POJUTR
TARINJV SO BASN ROZ,
OD USE KOLRJE
MRN IRET T ŚUNA
ŚYS ME AMYGE,
J PA SUNZ.
NO LIP TO J VYLĎEJ
J BA TEL DA NA NYMA RYVT MUEJ.
La primavera molto bella
coi suoi colori
gli uccellini cantano
e mi svegliano al mattino
i prati sono coperti di fiori
di tutti i colori
io posso giocare fuori
con i miei amici
e c' il sole
La primavera bella
vorrei non finisse mai
Massimo Pielich - classe I

FILASTROCCA RESIANA
TRIĆJA BALIĆJA
LION SPIRON
TALISON, TAKISON, TAKA
PIDJ PIDJ, ČINQUANTADOJ
OKUNAREK,
OSUNAREK,
OZURANEK.
Caterina Di Lenardo - classe I

L UKREJ ŚYML'inverno passato
L UKREJ ŚYM
TUU UASE
JD NY HRE PO VASE
OTROČYĆ NY SKOČYUA
TUU DUOR
LASTAVYZA NY SO SKOR
DOLE IŚD
L'inverno se n' andato
Nel paese
le persone vanno a spasso
i bambini saltellano
nel cortile
e le rondini sono quasi
tornate qui
Samuele Chinese - classe I

SVETE LAUDEĆSan Laudec
SVETE LAUDEĆ
AN AL PO NY PUTYZE
AN SRITAL DVI ĆJARYZE
KA NI SO LE
TAJ DVI LYSYZE
San Laudeć
andava per una stradina
ha incontrato due bambine
che passeggiavano
come due volpine
Dalila Bobaz - classe I

SRNJKIl capriolo
DN SRNJk, TUU ŚAGAT,
JI TRAUO ANU ROYZE.
SKOČYL TU PNĆ TU PNĆ,
KBI, Ć M VYD.
Un capriolo, a Sella Sagata,
mangia lerba e i fiorellini.
Saltando di sasso in sasso,
fugge, se mi scorge.
Elia Madotto, Alessio Madotto, Alberto Madrassi - classe II

TA NA VALYKO UDOSul fiume Resia
UDA NA BILA
KO RIN NU UDO
NA MA DRKE.
NUTR TANE NI SO TY MAJE
KO TO E RKU POJTRE
RIN TU UDO SA KOPET,
ANU IRAN ŚYS PNĆE.
TU UD TO VALYKO SOT KAKADO
PEĆADR E ČAK RYBO,
PUE NO STARO UYO.
Lacqua bianca
quando entro nell'acqua
mi sospinge.
Quando la mattina fa caldo
vado al fiume a nuotare
e gioco con i sassi.
Nell'acqua grande sotto la cascata
il pescatore attende il pesce
e canta una vecchia canzone.
Elena Buttolo, Giulia Copetti - classe II

LYSYZALa volpe
LYSYZA FRBASTA
NA ME NO VALKE REP,
NA RE VELT Ś JET.
NUTR TANE NI SO TY MAJE
NI SO LAČINE.
La volpe furba
ha una grande coda,
corre veloce per predare.
Nella tana ci sono i piccoli
che hanno fame
Miriam Della Mea, Jacopo Calligaris, Arianna Siega - classe II

RN SVYSDUna stella
TU ARJ DN MYJAR ŚVYŚD
AN RN NA J TUU SN
OD RN OTROKA.
Nel cielo ci sono migliaia di stelle
e una nel sogno
di un bambino.
Caterina di Lenardo - classe III

ROŚAJANSK VSLa Val Resia
NA DOLYNA KARYJ NA MOJA
NU ŚONES KARYJ NA VALYKA
ŚYS NJI TE LIPE ROYZE
ANO TE VALYKE ORYZE,
KY TY ROŚAJONSKE JD
PRAJAJO O NALAET
KO SO TE VALYKE FJ֊TYZE.
Una valle tanto piccola
ma per noi molto grande
colma dei suoi bei fiori
e di grandi piazze
che le genti resiane
tornano a visitare
quando ci sono le grandi festicciole.
Roberto Foladore - classe III

ARKOBALENOL'arcobaleno
DĊ HINJUU
VYLŚL N LIP ZORNAD
S POKAŚL DN ARKOBALENO
ANU AR SPET S KLRU
La pioggia cessata
uscita una bella giornata
comparso un arcobaleno
e il cielo tornato sereno
Cinzia Savaris - classe III

MJ PJYSIl mio paese
TU MIM PAJYŚ
SO KARYJ TARINJU.
TU MIM PAJYŚ
SO MAL JUDI.
TU MIM PAJYŚ
J PA N DULH UD
MJ PJYS
KARYJ MY PLAA.
Nel mio paese
ci sono tanti prati.
Nel mio paese
ci sono poche persone.
Nel mio paese
c anche un lungo fiume.
Il mio paese,
a me piace tantissimo.
Elisa Madotto - classe III

MJ PJYSIl mio paese
LIĆZA TU J DEN LIPE PAJYS
J TALA ŚIS KRAVE
NU DEN TALE.
SO NJYVE NU ŚLNE TARINJE
KARJ JARBULU
NU UTYĆAZU KONTENT.
TU MI PLAA YVET LEŚD
ĠYL TU J KARJ KUJT.
Lischiazze un paese bello
c la stalla con mucche
e un vitello.
Ci sono campi e verdi prati
tanti alberi
e uccellini contenti.
A me piace vivere qua
perch c molta tranquillit
Christian Siega - classe III

MA ROŚAANSK DOLYNLa mia valle resiana
MA ROŚAANSK DOLYN
NA BASN TY PRYLIP ROEZ,
HOŚDE, TARINJA, RAUNYNA, HORA.
KARYJ SO UTYĆAZA,
BARJOLASTA PARPALYZA,
NU KULYKO Ć TA LIPA RYČI.
ROŚAANSK DOLYN
TA NAJLIUČ TU ON.
PRYDYT VYDT
HRE NU HOŚDE.
La mia Val Resia
colma di fiori stupendi,
di boschi, terreni, colline e montagne.
Ci sono molti uccellini,
variopinte farfalle,
ed altrettante cose belle.
La valle di Resia
senz'altro la migliore
Venite a scoprire
le montagne e i boschi
Sara Madotto - classe III

MA VSLa mia valle
TO NA LIPA MA VS
ŚYS U܎A, NU PLESA,
UANZA ŚA KRANT.
ROA, ARBULA, BETJA,
NATRA ŚA HLEDT.
TA ŚYME NA SPY,
NU MAL TRDNA NA ,
PUKRIT OD NE KOZE.
TA HA BIL SNEH.
TA LT NA SA BUDI
ŚYS KARYJE KOLRJU,
FJˊTU, YHRE, SMIHU
NU DEN MJAR SAVORJU.
bella la mia valle
con canti, balli
tradizioni da conservare.
Fiori, alberi, animali,
la natura da osservare.
In inverno riposa,
perch un po' stanca,
avvolta in una coltre
di neve bianca.
Si risveglia in estate
Con tanti colori,
feste, giochi, risate
ed un migliaio di sapori.
Anna Madotto - classe III

PER FARE UN PAESE UNITO
Per fare un paese unito
ci vuole una U
come unione, umore, uguaglianza;
poi ci vuole una N
come neve, natura, nascita;
poi ci vuole una P
come pace, parco, popolo;
poi ci vuole una A
come amore, amicizia, altruismo;
poi ci vuole una E
come eternit, emozioni, entusiasmo;
poi ci vuole una S
come sincerit, sentimento, sintonia; poi ci vuole una E
come eroismo, equit, estensione; poi ci vuole una U
come unico, umano, universo; poi ci vuole una N
come nascita, nobilt, normalit; poi ci vuole una I
come intelligenza, incanto, inseparabile; poi ci vuole una T
come tranquillit, temperanza, tenacia; poi ci vuole una O
come orgoglio, onore, ospitalit.
Poi si mettono insieme senza odio, senza fretta, senza rabbia, senza malinconia, UCCEA, STOLVIZZA, OSEACCO, GNIVA, LISCHIAZZE, SAN GIORGIO, CORITIS, PRATO, e si fa
UN PAESE UNITO
Najśat sa sprauj ukuop brs um, fole nu utoe, Učjo, Solbizo, Osoane, Njyuo, Lićazo, Bilo, Koryt, Ravanzo nu sa narej
NO VS UEŚANO
Classe III

UDYZ MAAcquetta mia
HYT TIČ
UDYZ MA
DLUS PATK.
RTO MY PLAA TE GLEDT.
TO MY PLAA TE TKNT
UTUPT ME ROKYZE
Ś GJUJT
ANU Ś ČUT TUO FREK UDO.
PEGN NUTUU N DN
NU Ć LPU POPEGNN
VYDN PA RYBE
KA GREJO Ś TABO
ANU UKUL PYĆI S SKRIUAJO.
TADIJ K MRN PARAJN TA TAB
ĠYL TUJ HYT JTYT
MY SPOMNU
KO J TIČN TS TRENJE.
Corri veloce
acquetta mia
lungo il fiume.
Mi piace osservarti.
Mi piace toccarti
immergere le mie manine
per giocare
e sentirne la freschezza.
Vedo gi il fondo
e se osservo attentamente
scorgo anche i pesci
che corrono con te
e fra i sassi si nascondono.
Appena posso vengo sulla riva
perch il tuo veloce fluire
mi ricorda
la corsa nei prati.
Alice Lettig - classe IV

PET PAĠINE PYSANE ŚIS SYRZ Cinque pagine scritte col cuore
Tana Solbizi j stal den stari stari didačić.
Isi didačić a ml den moji lybrinčić ki an dyrel tuu ni moji moji ojofi tapar syrzo.
Isi lybrinčić an ml tiri paģine.
Ta pyrua paģina mla den kr ano razjun od oća ne.
Ta soont mla pysano da an ml karj rad famejo.
Ta trtnja paģina da kako mu plaala Solbiza.
Ta tyrtnja mla pysano da kake ne lipe re, betje, planyne, kake ne lipe ue śis zytiro ano brnkulo so tuu Reśiji.
Den din isi stari didačić an śabil lybrinčić tana ni paćy ano prael Bu iti krej ano an se ģal lajet use paģine.
Ni so mu plaale talykol karj ki an el jysket didaza ano a ja pajel tuu Paravy tapar use te svete.
A Stolvizza abitava un ometto tanto vecchio.
Questo omino possedeva un libricino che teneva in un piccolo taschino vicino al cuore.
Questo libricino era composto da cinque pagine.
La prima pagina aveva una croce e la preghiera del Padre Nostro.
Sulla seconda cera scritto che amava molto la famiglia.
Sulla terza pagina cera scritto quanto amava Stolvizza.
Sulla quarta era scritto quante belle montagne, bestie, malghe, quante belle melodie col violino e il violoncello ci sono a Resia.
Un giorno il vecchietto aveva dimenticato il suo libricino su un sasso e da quelle parti pass Dio e si mise a leggere tutte le pagine.
Gli sono talmente piaciute che and a cercare lometto e lo port in Paradiso assieme a tutti i santi.
Valentina Buttolo - classe V

LYSYZ La volpe
LYSYZ TA FASALAU
NA RDE HRE
NU MAČE REP,
ĆY VY NA VIT ČI TO
TA BRAF KULUĆAVE
La volpe di Fasal
sempre cammina
muovendo la coda,
se non sapete chi
la brava di Culuć
Giulia Siega - classe V

SI TET DABREVolersi bene
MIYZ NU TUZ TU RAIBA
PYS NU TUZ TU S ŚNA
UK NU UPZA TO GRE SE PAST
KKU NU LISIZ TO JI TA POD NO RAST
M܊ NU KNJ TO PIJ UKUP
ANU KRAU: DEJMY PA ML DYN GULT

LE BEJ TE DUA MU
TU SE UORČJA
TE DVI BABY TO ĆJ SE BUT
ŚAKOJ DN TU DUR N M PRYJTT
ANU TE SYNYĆ LP TO ĆIRIZO
ŚA NO TPYT KLOBASIZO

BRAUJ NS UČIJO D KAKU S SY ĆJE DABR.
INVZY MI SE DILAMO DA VIM US!
Il topolino e il gattino giocano,
il cane e il gatto si conoscono,
il lupo e la pecora vanno nel pascolo,
la gallina e la volpe mangiano sotto lalbero,
lasino e il cavallo bevono insieme,
e la mucca: dai anche a me un sorso.

Guarda quei due uomini come si guardano torvi.
Quelle due donne si ammazzerebbero
perch una deve attraversare il cortile.
E quel bambino picchia una bambina
per una stupida salsiccia.

GLI ANIMALI CI INSEGNANO COME CI SI DEVE VOLER BENE.
SOLO NOI INVECE CI VANTIAMO DI SAPER TUTTO.
Alessia Candido - classe V

Sei in...